Sabato, 23 Settembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

Torres, cronaca di una festha

Pubblicazione: 
Venerdì, 10 Maggio, 2013 - 11:59

 

Sassari - La Torres è jà in C2, la parthidda cu' lu Civitavecchia è una profoimma.
Li tifosi so in festha primma ki la parthidda ischumentzia. A li 13, 15 i li cancelli è jà un attrupogliu di jenti ki no vedi l'ora d'intrà a lu Vanni Sanna. Dubimmu aisittà fora umpari a li simpatici militanti di la cuiva ki vendini maglietti, sciarpi e althru "materiali" pa autofinantziassi. L'aria ki si ripira è di una festha in famiria e li famirii, infatti, so prisenti cu' li criadduri visthuddi a Torres.

Tzi so l'ischuadri di pitzinni d'ischora di lu joggu di fuba (calciu) ki calche bidda affaccu a Sassari, tzi so li pitzinni femmini cu' li cavani pintaddi cu' li curori di la Torres. Dabboi di un'ora pudimmu intrà, so li 14,15 e, tempu di un'ischikiadda di diddi, e l'isthadiu è pienu: mancu un loggu libaru, ma in tribuna: «accò lu sindaggu Ganau», dizini li tifosi e lu loggu pa eddu s'acciappa subiddu. Calche rasgioni pigliadda a lu boru dizi: «soru a la fini sinnè ammintaddu ki in Sassari isisthi la Torres!». Ma lu ki piglia a l'occi è lu mari beddu di banderi ruii e biaitti ki da la cuiva so atrazioni pa tuttu li tifosi di la tribuna, tuttu cu' lu sottufondu di la bozi immurthari di Giuseppe Piras ki canta l'innu di la Torres. E è da kisthi pitzinni, vera anima di la Torres e cori di la tziddai, cussì puru pa l'ammantiosi cumenti Gianni Zara, althr'anima forthi di la Torres, ki arribi lu sintiddu mannu d'assé sassaresi.

La bozi d'eddi, sempri prisenti in tutti li parthiddi, inneggia a la Torres e a Sassari cu' li cantzoni di la tradizioni sassaresa e abisumeu propiu pa kisthu so ricunnisciddi da l'ischuadra ki s'accostha a eddi cu' un isthriscioni ki dizi: "Con una curva così, regaliamo la serie C! Grazie!".

Li juggadori si ni bogani la frinella cun una lettara dibessa pa dugnunu ki posthi umpari dizini: "I love Torres". Ma abà so li 15,00 (li tre) e è ora di juggà e l'arbitru Matteo Michieli di Padova (assisthenti Enrico Campana di Vicenza e Michele Nocenti di Padova) fazi ischumintzà la parthidda. Tempu 30 sigundi, accò lu primma reti di Lisai. No passa troppu tempu ki a lu 4′ è un althru gol di Angheleddu e dabboi di althri poghi minuti, accò un althru a lu 10′, kistha voltha l'obara è di Meloni. La Torres pari ki sia jugghendi contru a un'ischuadra di condominiu.

Intantu, in pienu primma tempu, da la cuiva n'esci a pizu pa un'ischutta un isthriscioni: "Giullare e nemico della città restituisci il candeliere d'oro alla società", fimmaddu NG. Calchunu da la tribuna dizi ki in una dì di festha no era lu casu di bugganni a pizu li ciarameddi. Si cuntinua a juggà e Meloni ifrisia la reti avversaria! Lu joggu è tuttu di la Torres e lu purthieri Secchi pari ki si sia ivirendi. Ma si piglia un grogu akì intrendi in antitzipu s'ischudi innantu a l'avversariu Piciollo propiu candu è a costhu a finì lu primma tempu. L'alinadori Bacci lu ciamba cu' Del Zio. Ischumentza lu sigundu tempu e dabboi di calche minutu entra Pulina e esci Lisai a lu 12′ entra Carboni e esci Nuvoli. Kisthu, mancu intraddu, segna a lu 17′ e semmu cuattru a zero. È festha! E i la panchina torressina l'ipumanti fara a irriddi! È festha e la Torres s'ivrasia e lu Civitavecchia cun Moretti fazi gol, li torresini tzoccani li mani: è festha! Pari ki l'ischuadra isthragna si so pigliendi animu, ma la Torres fazi cumprindì ca cumanda e, infatti, a lu 38′ cu' Meloni e torra gol. E semmu 5 a 1! Li di la cuiva ischumentzani a accusthassi a l'eiba verdhi. Li tre frusci sonani puntuari e lu joggu è cumpriddu. Li cancelli s'abrini e tutta la cuiva entra in campu e so abbratzi, musigga in un muriggori di bozi d'alligria. Li juggadori di la Torres so letteralmenti lassaddi in muddandi da li tifosi ki voni li maglietti e pantaloncini d'eddi.

Li tifosi erani sufrendi da tzinc'anni e kisthi juggadori ani rigaraddu un sonniu a eddi e a la tziddai. Gratzie Torres, gratzie a li tifosi e gratzie a ca cun sintiddu sintzeru à daddu amparu a li curori di la tziddai. Torra gratzie Torres!
 

Fonte