Lunedì, 11 Dicembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

La lingua e la cultura sarda sotto attacco

Pubblicazione: 
Lunedì, 29 Settembre, 2014 - 09:50

 

 

A totu is òrganos de informatzione

Ogetu: corpos malos contra a sa limba e a sa cultura sarda.

S'atacu contra a su situ archeològicu de Monti Prama in Cabras in sas dies coladas est su sìmbulu de cales siant sas prioridades de sa Giunta Regionale e de s'assessore Firino.
In unu situ archeològicu ùnicu a livellu mundiale, dae ue sighint a bogare a pitzus istàtuas ispantosas, bi sunt intrados sos ladros ca non bi fiat nemos a lu tentare pro more de su pagu dinari.
Nois non creimus chi sos chi sunt guvernende sa Regione non bi siant bonos. Su contu est chi tra sas prioridades issoro non bi sunt sos interessos de su pòpulu sardu.
Sa Giunta Regionale est mustrende sa cara prus lègia de su colonialismu italianu in Sardigna, iscantzellende su chi de bonu aiant fatu in sos annos colados in su setore de sa polìtica linguìstica.
Cabudanni est agabbende e no ant publicadu su bandu pro finantziare sos cursos de sardu in sas iscolas (s'annu passadu sunt istadas 300 sas iscolas chi ant pedidu su finantziamentu, e aiant finantziadu 240 progetos); in prus no ant fatu su bandu pro sos finantziamentos a sos mèdia e a s'editoria in sardu e non s'ischit ite fine ant a fàghere sos servìtzios chi dant sos operadores linguìsticos in sos comunos.
Sa Giunta Regionale si l'est faddende si pensat chi podet atacare sa limba nostra chene chi nemos nàrgiat nudda, ca sos sardos no ant a abarrare firmos.
Nois amus a gherrare in pare cun su pòpulu nostru finas a cando a sa limba nostra non l'ant a reconnòschere sa paridade cun s'italianu in ogni àmbitu sotziale e at a èssere assegurada s'ufitzialidade sua in ogni impreu pùblicu iscritu e orale.

A Manca pro s'Indipendèntzia

 

 

A tutti gli organi di informazione

Oggetto: La lingua e la cultura sarda sotto attacco.

L'attacco subito dal sito archeologico di Monti Prama a Cabras negli scorsi giorni è il simbolo di quali siano le priorità della Giunta Regionale e dell'assessore Firino. Un sito archeologico unico a livello mondiale, che continua a regalare meravigliose scoperte, è stato preso di mira facilmente dai tombaroli poichè sguarnito di sorveglianza, a causa della bassa entità del finanziamento allo scavo.

Noi non crediamo che chi governa la Regione sia da ritenersi un incapace. Semplicemente tra le loro priorità non rientrano gli interessi del popolo sardo.

La Giunta Regionale sta mostrando la faccia peggiore del colonialismo italiano in Sardegna, cancellando quanto di buono era stato fatto negli scorsi anni nel campo della politica linguistica.

Ad oggi non è stato pubblicato il bando per finanziare i corsi di sardo nelle scuole e perciò temiamo che quest'anno l'insegnamento della nostra lingua sparisca da tutte le scuole sarde (lo scorso anno erano state oltre 300 le scuole a richiedere i fondi e 240 progetti erano stati finanziati); inoltre non c'è nessuna traccia del bando per i finanziamenti ai media e all'editoria in sardo e non esiste alcuna garanzia sul futuro dei servizi erogati dagli operatori linguistici nei comuni.

La Giunta Regionale sbaglia se pensa che potrà portare avanti questo attacco contro la nostra lingua tra l'indifferenza generale, perchè i sardi non staranno a guardare.

Noi saremo in prima linea al fianco del nostro popolo, affinchè alla lingua sarda sia riconosciuta la parità con l'italiano in ogni ambito sociale e sia assicurata la sua ufficialità in ogni utilizzo pubblico scritto e orale.

A Manca pro s'Indipendèntzia