Sabato, 18 Novembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

L’ultimo libro di Salvatore Patatu: Boghes e Caras antigas – de su Mulinu ‘e su Entu

Pubblicazione: 
Venerdì, 10 Maggio, 2013 - 12:11

 

L’ultimo libro di Salvatore Patatu: Boghes e Caras antigas – de su Mulinu ‘e su Entu

Un affresco tra neologismi e tradizione
di Francesco Casula

Ha scritto Lussu :“L’ironia che mi viene attribuita come caratteristica delle mie opere, non è mia ma sarda. E’ sarda atavicamente”. Ed è proprio questa atavica ironia sarda il tratto precipuo dell’ultimo libro di Salvatore Patatu, da qualche settimana nelle librerie: “Boghes e caras antigas – de su Mulinu ‘e su Entu”. Scritto in un sardo-logudorese molto sorvegliato, anche dal punto di vista della grafia, rifacentesi in qualche modo a uno standard, l’Autore, già docente nelle scuole superiori e sindaco del suo paese, Chiaramonti, ha cominciato la sua produzione in Sardo nel lontano 1980 con “Contos de s’Antigu Casteddu”: la prima opera in prosa sarda pubblicata nell’Isola. Ha proseguito con i Racconti “Buglia Bugliende” (1993); “Su trau de Funtana Noa” (1995); “Fabulas imberrittadas” (2000);”Pro no esser comunista mezus sorighe” (2006), E oggi “Boghes e Caras antigas” :una silloge di Contos in cui  Patatu si dimostra smaliziato affabulatore, e delizioso iscritore de fatos beros e no beros. Che, in punta di penna, icasticamente, schizza tratteggia e descrive un caleidoscopio di fatti, vicende e personaggi, ruotanti i più intorno a un vecchio mulino, in cui l’Autore ha lavorato da ragazzo. Ecco allora Tiu Presentinu che non va più a cacciare leperes e coniglios ca current tropu e non resessit a lis ponner fatu. Va invece a caccia di  tartarughe perché “sos tostuines andant a bellu a bellu, chena presse, ca si giughent su bagagliu fatu, non podent currere e cun paga fadiga los tenes e ti los podes coghere in santa paghe. Cun sa ‘uddidedda  ti faghes su brou ue coghes su sucu; e poi los podes arrustire in graiglia. Dae sa coratza bi fato manigas de lepa, de ‘urteddos, medaglieddas e ateros anivegheddos chi piaghent a sas feminas”. O come Tiu Frantziscangelu, “sempre allegru e risulanu, bugliaiat subra a dogni cosa”; o Tia Loturedda, una femina bascitedda, chi aiat sa limba pius longa de sas ancas. O ancora come Tiu Cischeddu chi ‘endiat pische e aiat sa mania de sa poesia. Il Sardo dell’Autore irrompe turgidamente espressivo, carico di deflagrazioni umoristiche, con grandi capacità allusive ironiche e inventive, con immagini, metafore e proverbi, tratti dalla tradizione popolare. Con un impasto ardito di neologismi. O comunque con lessemi preziosi o desueti, alcuni particolarmente pregnanti, significanti e onomatopeici, che Patatu reimette nel circuito letterario.

Pubblicato su Sardegna Quotidiano del 10-5-2013