Sabato, 23 Settembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

IL MEDICO-POETA CHE SCRIVE IN CAMPIDANESE, di Francesco Casula

Pubblicazione: 
Giovedì, 13 Giugno, 2013 - 13:09

 

Giulio Solinas di Quartucciu è medico per professione e poeta in sardo per passione. Anzi una vita intera dedicata alla medicina – su cui ha pubblicato innumerevoli scritti – e ai malati. Con una forte cifra sociale. Con un’azione tesa a prevenire più che a curare. Di qui le sue opere – e le numerose Conferenze – sull’alcol e le altre droghe. In una dimensione fortemente solidaristica: fonda l’AVIS a Quartu ma anche Associazioni per gli aiuti al terzo mondo. Ma in questa sede ci interessa come ricercatore e studioso delle tradizioni popolari, della cultura, della lingua e della poesia sarda: ad iniziare da quella improvvisata. Che ha analizzato, in modo rigoroso sia dal punto di vista storico (“Storia de sa cantada campidanesa”) che formale: penso in modo particolare all’opera “Comente nascit e crescit sa poesia de Sardigna”. Ma Solinas è anche valente – e ultrapremiato – poeta in sardo-campidanese: che conosce a perfezione e che piega per “cantare” i temi più diversi. Un sardo estremamente ricco e sorvegliato, con una grafia in qualche modo “standardizzata” e dunque comprensibile per un vasto pubblico. Come poeta, proprio recentemente ha pubblicato per IGES “Pensamentus e attinus in campidanesu” (Pensieri e riflessioni in campi danese), 78 poesie sui temi più svariati che attengono alla vita di tutti i giorni: all’amore come alla natura e al paesaggio. L’ultima della Silloge costituisce un “Omaggio al pane sardo”. Eccola:  Po t'alabai pinna digna /e boxi no tengu, giusta a ti cantai, /pani de Sardigna./ Aliméntu i ermosura,/de civilidàdi antiga sinnu, /de mamma terra ternura, /pani tui s'omini sustentas. /Fruttu dorau de spigas/ mudu cun amori t6tu naras, /speciosas formas pigas/ ornàu de merlettus e trinas./ In pastoralis, in gruxis, /in ghirlandas frorias,/de sa genti tui cantas /prèxus e penas suffrias./Sentimentus espressas/in figuras ermosas/plasmadas de manus sapientis /de spiridalidadi prenas, /tui afestas santus e isposas. /Pani cun sabièsa creàu /cun "s'angòlla" Pasca onoras,/in luttu s'anima lastimas. /Panis chi sa storia contais,/modellaus cun simbula nodia, /cun aqua e sali intrada impari /cali fueddus de versus in poesìa, /sa cultura sarda bos esaltais. /Oh ... , farra, coru de sa spiga, /traballàda cun fatiga, /ses s'anima de su pani! /Pani ciuétu o spongiau, /de s'omini fruttu 'e sudori, /a nemus mai tui siast negau! /Tui sacru simbulu de S’Amori”.

Pubblicato su Sardegna Quotidiano del 13-6-2013