Lunedì, 11 Dicembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

I leghisti e il sardo: Depositata l'interrogazione sull'uso della lingua

Pubblicazione: 
Venerdì, 31 Agosto, 2012 - 10:54

 

La vicenda di Doddore Meloni, e in particolare la difesa dell'utilizzo della lingua sarda, è arrivata al Parlamento Europeo. L'interrogazione del leghista Matteo Salvini, che già qualche giorno fa lo aveva annunciato, è stata depositata. Nel documento si chiede di conoscere quali iniziative la Commissione Europea intende realizzare per «garantire ai cittadini una piena applicazione del fondamentale diritto a esprimere nella propria lingua regionale o minoritaria». Salvini fa una premessa sulla «Carta Europea delle lingue regionali o minoritarie, redatta a Strasburgo nel 1992, benché non faccia parte a pieno titolo del diritto acquisito dell'Unione, è stata però firmata e ratificata da quasi tutti gli Stati membri; un articolo contiene una serie di impegni che le parti si assumono perché un processo si svolga anche nelle lingue come il sardo e nella piena garanzia per l'accusato di esprimersi nel proprio idioma». A questa premessa segue un altro quesito di Salvini che chiede se «la Commissione intende fare sua la Carta Europea delle lingue regionali, inglobando nel Diritto europeo i principi e gli obiettivi anche in modo da stimolare gli Stati membri a una piena ed effettiva applicazione». E infine l'ultima domanda: «Ritiene la Commissione che lo Stato italiano, non garantendo il diritto a un interrogatorio in sardo, violi gli articoli della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea?».

Da L'Unione Sarda del 31/08/2012