Lunedì, 11 Dicembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

Figli d'arte Medas - EVENTI IN PROGRAMMA DAL 23 AL 28 APRILE 2014

Pubblicazione: 
Mercoledì, 23 Aprile, 2014 - 11:35

- Mercoledì 23 Aprile 2014 - Cagliari - L’Uomo della Storia - 1985: La Sardegna incontra Papa Giovanni Paolo II;
- Giovedì 24 Aprile 2014 - Santu Lussurgiu (OR) - Don Michele Obino - Un Sardo Rivoluzionario di Gianluca Medas;
- Venerdì 25 Aprile 2014 - Aritzo (NU) - L’Anarchico Schirru di Giuseppe Fiori;
- Sabato 26 Aprile 2014  Desulo (NU) - La Grande Madre - La Rivoluzione Sarda di Gianluca Medas;
- Domenica 27 Aprile 2014 - Aggius (OT) - I Cinquanta Giorni - Dalla Morte di Cristo a Pentecoste di Gianluca Medas;
- Lunedì 28 Aprile 2014 - Capoterra (CA) - La Grande Madre - La Rivoluzione Sarda di Gianluca Medas;
- Prosegue la rassegna In Cambarada 2014;

 

 

La Sardegna ricorda Giovanni Paolo II

Mercoledì 23 aprile, Figli d’Arte Medas e Caritas Diocesana di Cagliari organizzano una serata per raccontare la visita pastorale di Wojtyla del 1985. Prevista la partecipazione di numerosi cori e cantori da tutta l’Isola. L’incasso finanzierà le iniziative contro l’emergenza alimentare nel capoluogo

 
“L’Uomo della Storia - 1985: La Sardegna incontra Papa Giovanni Paolo II”. È questo il titolo della serata di raccolta fondi per l’emergenza alimentare organizzata da Associazione Figli d’Arte Medas e Caritas Diocesana di Cagliari. L’incontro, previsto per mercoledì 23 aprile alle 20 nella Parrocchia della Vergine della Salute in via Ausonia 22 a Cagliari, sarà presentato da Gianluca Medas che si avvarrà della collaborazione delle musiche del chitarrista Andrea Congia e dei canti di numerosi cori isolani.
 
L’EVENTO In occasione della canonizzazione di Giovanni Paolo II, arte e beneficienza s’intrecciano per ricordare la visita pastorale in Sardegna del 1985. Tra cronache e testimonianze, le giornate che toccarono il cuore e la sensibilità del popolo sardo saranno raccontate da Medas rievocando l’agire politico e sociale che ha reso Wojtyla un punto di riferimento nella storia del Novecento.
 
GLI OSPITI La serata sarà impreziosita dai contribuiti delle diverse espressioni canore della Sardegna. Saranno infatti presenti Su Cuncordu Lussurzesu, rappresentante del canto a cuncordu, e il Coro di Aggius Galletto di Gallura, esponente del canto a tasgia; per il canto a tenore barbaricino previste le esibizioni del Tenore Murales di Orgosolo e del Populos Tenore Nugoresu; il canto polifonico sarà rappresentato dal Coro Ogliastra, diretto dal maestro Tonino Arzu, e dal Coro Universitario Terra Mea, diretto dal maestro Gigi Oliva e composto da elementi provenienti da tutta l’Isola; infine, il canto popolare dei Rosarianti di San Pantaleo di Dolianova e i mutetus delle improvvisatrici campidanesi Paola e Dolores Dentoni.
 
L’OBIETTIVO L’evento ha il fine di raccogliere fondi per finanziare le attività della mensa della Caritas cagliaritana che, distribuendo circa 700 pasti al giorno, cerca di corrispondere in maniera efficace all’emergenza alimentare della città. Nel piazzale della chiesa sarà inoltre allestito un centro di raccolta per beni di prima necessità.
 
 
 
 
 

S’ammentu de Santu Lussùrgiu de don Micheli Obinu

Figli d’Arte Medas e Aidos proponent un’ispetàculu pro ammentare s’istòria de su preideru lussurgesu, protagonista de sos motos de fine Setighentos. Apuntamentu giòbia 24 abrile in su Salone de su Tzentru de Cultura Populare. In palcu Gianluca Medas, Andrea Congia, Su Cuncordu Lussurzesu e Su Cuncordu Aidos

 
Fide, rivolutzione, e amore pro sa terra sua. Sunt custos sos temas de importu de s’ispetàculu Don Micheli Obinu - Unu Rivolutzionàriu Sardu, propostu pro giòbia 24 de abrile a Santu Lussùrgiu (bidda nadia de su preideru) dae s’Associazione Figli d’Arte Medas cun sa collaboratzione de s’Associazione Culturale Aidos. Sa rapresentatzione, una narratzione cun mùsica e cantzones, at a èssere portada in iscena a sas 19 oras in su Salone de su Tzentru de Cultura Populare in carrela de Roma: in su palcu s’autore Gianluca Medas, acumpagiadu dae sas notas a chitarra de Andrea Congia e dae sos Cuncordu Lussurzesu e Cuncordu Aidos.
Un’itineràriu articuladu in su tempus de sas rivolutziones in Sardigna at a èssere s’ocasione pro contare s’istòria de su preideru lussurgesu, amigu de Giomaria Angioy, protagonista de sos motos antifeudales de fine Setighentos e custrintu, pro sos ideales suos, a s’esìliu in Frantza.
Bullete ùnicu 1€.
 
SOS ARTISTAS Gianluca Medas est su contadore de s’ispetàculu. Artista polièdricu e erede de sa sola famiglia de arte de Sardigna, est su diretore artìsticu de s’Associazione Figli d’Arte Medas. Andrea Congia, est pro leare sa laùrea in Etnomusicologia in su Conservatòriu de Casteddu, chitarrista (chitarra clàssica, baritono e fretless), est impinnadu dae tempus in sa coniugatzione de Paràula e Mùsica. Su Cuncordu Lussurzesu nàschidu in su 1984, at cumintzadu s’atividade cuntzertìstica in su 1995. A su presente proponet sos cantos sacros e profanos de sa traditzione lussurzesa. Nde faghent parte Giovanni Mura (Cuntraltu), Gino Leoni (Bassu), Giovanni Meloni (Contra), Simone Riggio (Oghe). Su Cuncordu Aidos de Santu Lussùrgiu est formadu dae bàtoro giovanos cantadores: Gianni Licheri (Oghe), Salvatore Beccu (Cuntraltu), Giuseppe Marras (Contra), Gabriele Soru (Bassu). Torrende a sas maneras antigas de su cantu de sa bidda, si provant in sos cantos sacros e profanos lussurzesos.
 
 
 
 

 

L’omaggio di Santu Lussurgiu a don Michele Obino

Figli d’Arte Medas e Aidos propongono uno spettacolo per ricordare la storia del sacerdote lussurgese, protagonista dei moti di fine Settecento. Appuntamento giovedì 24 aprile nel Salone del Centro di Cultura Popolare. In scena Gianluca Medas, Andrea Congia, Cuncordu Lussurzesu e Cuncordu Aidos

 
Fede, rivoluzione, e amore per la terra natia. Sono questi i temi principali dello spettacolo Don Michele Obino - Un Sardo Rivoluzionario, proposto giovedì 24 aprile a Santu Lussurgiu (paese di nascita dell’ecclesiastico) dall’Associazione Figli d’Arte Medas in collaborazione con l’Associazione Culturale Aidos - Santu Lussurgiu. La rappresentazione, una narrazione con musiche e canti, sarà portata in scena alle ore 19 nel Salone del Centro di Cultura Popolare di via Roma: sul palco l’autore del testo, Gianluca Medas, accompagnato dalle note della chitarra di Andrea Congia e dai canti dei cori Cuncordu Lussurzesu e Cuncordu Aidos.
Un articolato itinerario nell’età delle rivoluzioni in Sardegna sarà il pretesto per raccontare la storia del sacerdote lussurgese, amico di Giovanni Maria Angioy, protagonista dei moti antifeudali di fine Settecento e costretto, per i suoi ideali, all’esilio in Francia.
Biglietto unico 1€.
 
GLI ARTISTI Gianluca Medas è il narratore dello spettacolo. Artista poliedrico ed erede dell’unica famiglia d’arte della Sardegna, è il direttore artistico dell’Associazione Figli d’Arte Medas. Andrea Congia, laureando in Etnomusicologia al Conservatorio di Cagliari, chitarrista (chitarra classica, baritono e fretless), è impegnato da tempo nella coniugazione di Parola e Musica. Il coro Cuncordu Lussurzesu formatosi spontaneamente nel 1984, ha iniziato la propria attività concertistica nel 1995. Attualmente esegue il repertorio sacro e profano della tradizione lussurgese. La formazione è composta da: Giovanni Mura (Cuntraltu), Gino Leoni (Bassu), Giovanni Meloni (Contra), Simone Riggio (Oghe). Il coro Cuncordu Aidos di Santu Lussurgiu è formato da quattro giovani cantori: Gianni Licheri (voce), Salvatore Beccu (contralto), Giuseppe Marras (contra), Gabriele Soru (basso). Rifacendosi ai modi antichi del canto caratteristico del paese, si dedica al repertorio sacro e profano lussurgese.
 
 
 
 
 
 
 

“L’Anarchico Schirru” in scena il 25 aprile ad Aritzo

In occasione dell’anniversario della liberazione, i Figli d’Arte Medas ricordano la vicenda dell’uomo giustiziato dal fascismo. Appuntamento alle 19 nella piazzetta Rossa. Sul palco Gianluca Medas e Andrea Congia

 
Venticinque aprile ad Aritzo per i Figli d’Arte Medas. Nell’anniversario della liberazione d’Italia dal nazifascismo, la Compagnia guasilese porta in scena “L’Anarchico Schirru” di Giuseppe Fiori, narrazione con musiche di scena interpretato da Gianluca Medas con l’accompagnamento musicale della chitarra di Andrea Congia. L’evento, promosso dalla sezione di Aritzo dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiani, si terrà nella piazzetta Rossa e inizierà alle ore 19.
Lo spettacolo, adattato per il teatro da Medas, racconta la storia di Michele Schirru, anarchico nativo di Padria, simbolo della resistenza a tutti i totalitarismi, condannato a morte nel 1931 dal Tribunale Speciale del Fascismo per aver pensato di uccidere Benito Mussolini. Pubblicato nel 1983, il testo di Giuseppe Fiori è diventato un piccolo classico della storiografia italiana, animato da una scrittura attenta alla ricostruzione delle posizioni interne all’antifascismo nei confronti delle azioni terroristiche e del tirannicidio: da un lato il desiderio di condurre la più dura opposizione al regime, dall’altro la necessità di innescare processi profondamente democratici.
 
GLI ARTISTI Gianluca Medas è il narratore dello spettacolo. Artista poliedrico ed erede dell’unica famiglia d’arte della Sardegna, è il direttore artistico dell’Associazione Figli d’Arte Medas. Da anni ha intrapreso un percorso dedicato al teatro di narrazione e alla realizzazione di nuovi progetti ispirati alla cultura popolare. Andrea Congia, laureando in Etnomusicologia al Conservatorio di Cagliari, chitarrista (chitarra classica, baritono e fretless), autore e interprete in numerose formazioni musicali sperimentali, è impegnato da tempo nella coniugazione di Parola e Musica in collaborazione con numerosi artisti provenienti da ambienti musicali e teatrali.
 
 
 
 
 
 

“La Grande Madre”, a Desulo il racconto dei moti rivoluzionari sardi

In occasione de Sa Die de sa Sardigna, la Compagnia guasilese porta in scena le imprese di Giovanni Maria Angioy durante la rivoluzione sarda. Appuntamento sabato 26 aprile alle 19:30 nella Chiesa Sant’Antonio Abate di via Lamarmora

 
È previsto per sabato 26 aprile alle ore 19:30, nella Chiesa Sant’Antonio Abate di Desulo (NU), lo spettacolo La Grande Madre - Contus e Cantus dall’Isola - La Rivoluzione Sarda, narrazione con canti e musiche scritta e interpretata da Gianluca Medas con l’accompagnamento musicale della chitarra classica di Andrea Congia e le voci del Coro Padentes Desulo. L’evento, organizzato dall’Associazione Culturale Padentes Desulo in collaborazione con il Comune di Desulo e il Centro Commerciale Naturale Gennargentu, prevede l’ingresso libero.
La rappresentazione racconta numerosi aspetti storici e politici legati al triennio rivoluzionario sardo (1974-1976): dalle imprese di Giovanni Maria Angioy, protagonista dei moti contro i privilegi feudali, ai tentativi delle truppe francesi di soggiogare la Sardegna, alla ribellione del 28 aprile 1794 per contrastare la dominazione piemontese.
 
GLI ARTISTI Gianluca Medas è il narratore dello spettacolo. Artista poliedrico ed erede dell’unica famiglia d’arte della Sardegna, è il direttore artistico dell’Associazione Figli d’Arte Medas. Andrea Congia, laureando in Etnomusicologia al Conservatorio di Cagliari, chitarrista (chitarra classica, baritono e fretless), è impegnato da tempo nella coniugazione di Parola e Musica in collaborazione con numerosi artisti provenienti da ambienti musicali e teatrali. Il Coro Padentes Desulo, nato nel 2001, dedica la propria attività alla musica di ispirazione popolare a quattro voci maschili.
 
LA GRANDE MADRE La Grande Madre è lo show di punta della programmazione artistica 2014 di Figli d’Arte Medas. Dopo la trasmissione su Videolina e i primi spettacoli live, il tour estivo della Compagnia guasilese sarà dedicato alla messa in scena della rappresentazione che racconta la cultura popolare sarda attraverso forme artistiche differenti.
 
 
 
 
 
 
 

 

I Medas ad Aggius con “I Cinquanta Giorni” di Gesù Cristo

Il racconto dalla morte e resurrezione sino alla Pentecoste. Appuntamento domenica 27 aprile, ore 18, nella Chiesa Parrocchiale Santa Vittoria Vergine Martire. Sul palco Gianluca Medas, Andrea Congia e il coro Cuncordu ‘e Santu Nigola

 
Appuntamento gallurese con i Figli d’Arte Medas. La Compagnia guasilese sarà di scena ad Aggius domenica 27 aprile con I Cinquanta Giorni - Dalla Morte di Cristo a Pentecoste, narrazione con canti e musiche scritta e interpretata da Gianluca Medas con l’accompagnamento della chitarra classica di Andrea Congia e le voci del coro Cuncordu ‘e Santu Nigola. L’appuntamento è fissato per le ore 18 nella Chiesa Parrocchiale Santa Vittoria Vergine Martire di via Parrocchia 1.
Lo spettacolo racconta morte e resurrezione di Cristo attraversando tutto il periodo della Pentecoste. I cinquanta giorni di Gesù in terra che oltre il dolore della croce, portano a compimento il cammino dell’Uomo e la discesa dello Spirito Santo
 
GLI ARTISTI Gianluca Medas è il narratore dello spettacolo. Artista poliedrico ed erede dell’unica famiglia d’arte della Sardegna, è il direttore artistico dell’Associazione Figli d’Arte Medas. Andrea Congia, laureando in Etnomusicologia al Conservatorio di Cagliari, chitarrista (chitarra classica, baritono e fretless), è impegnato da tempo nella coniugazione di Parola e Musica in collaborazione con numerosi artisti provenienti da ambienti musicali e teatrali. Nato nel 1994, il Cuncordu ‘e Santu Nigola cerca di recuperare l’antico canto Nughedese a quattro voci. Attualmente è composto da 12 elementi.
 
 
 
 
 
 
 

Sa Die dei Medas, in scena i moti rivoluzionari sardi

Lunedì 28 aprile a Capoterra, la Compagnia guasilese racconta le imprese di Giovanni Maria Angioy durante la rivoluzione in Sardegna. Appuntamento alle 20:30 nella Casa Spadaccino in Località Su Loi

 
In occasione de Sa Die de sa Sardigna, lunedì 28 aprile a Capoterra (CA), i Figli d’Arte Medas portano in scena La Grande Madre - Contus e Cantus dall’isola - La Rivoluzione Sarda, spettacolo di narrazione con canti e musiche scritto e interpretato da Gianluca Medas con l’accompagnamento musicale della chitarra classica di Andrea Congia. L’inizio della rappresentazione è previsto per le ore 20:30 nella cornice della Casa Spadaccino in località Su Loi. L’evento, organizzato dall’Associazione Osidea Onlus con il patrocinio del Comune di Capoterra, prevede l’ingresso libero.
La spettacolo racconta numerosi aspetti storici e politici legati al triennio rivoluzionario sardo (1974-1976): dalle imprese di Giovanni Maria Angioy, protagonista dei moti contro i privilegi feudali, ai tentativi delle truppe francesi di soggiogare la Sardegna, alla ribellione del 28 aprile 1794 per contrastare la dominazione piemontese.
 
GLI ARTISTI Gianluca Medas è il narratore dello spettacolo. Artista poliedrico ed erede dell’unica famiglia d’arte della Sardegna, è il direttore artistico dell’Associazione Figli d’Arte Medas. Da anni ha intrapreso un percorso dedicato al teatro di narrazione e alla realizzazione di nuovi progetti ispirati alla cultura popolare. Andrea Congia, laureando in Etnomusicologia al Conservatorio di Cagliari, chitarrista (chitarra classica, baritono e fretless), autore e interprete in numerose formazioni musicali sperimentali, è impegnato da tempo nella coniugazione di Parola e Musica in collaborazione con numerosi artisti provenienti da ambienti musicali e teatrali.
 
LA GRANDE MADRE La Grande Madre è lo show di punta della programmazione artistica 2014 di Figli d’Arte Medas. Dopo la trasmissione su Videolina e i primi spettacoli live, il tour estivo della Compagnia guasilese sarà dedicato alla messa in scena della rappresentazione che racconta la cultura popolare sarda attraverso forme artistiche differenti.
 
 
 
 
 
 
 
 
Prosegue la rassegna In Cambarada - Sapori, Parole e Musiche al Birrificio Nuragico
 
Riprenderà martedì 29 aprile alle ore 21:30, con lo spettacolo (Uno) Prima dell’Alba di Valentina Sulas, spettacolo di recitazione e affreschi musicali liberamente tratto da “Tre volte all’Alba” di Alessandro Baricco (con Valentina Sulas - voce recitante; Mauro Dedoni - pianoforte; Juri Deidda - sax tenore), il ciclo di 8 appuntamenti proposto dall’Associazione Figli d’Arte Medas in collaborazione con il Birrificio Nuragico di viale Umberto Ticca 11 a Cagliari. “In Cambarada - Sapori, Parole e Musiche al Birrificio Nuragico”, questo il nome della manifestazione, si presenta come una sfida culturale e artistica capace di far incontrare il cibo e il mondo teatrale. Gli spettacoli, previsti sempre il martedì, saranno rappresentati nel periodo compreso tra febbraio e fine maggio 2014. L’obiettivo è valorizzare il territorio e favorire l’incontro della dimensione dell’ascolto con quella del gusto.
 
Per maggiori informazioni consulta la pagina del sito internet dedicata alla rassegna