Sabato, 23 Settembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

Esami scolastici in sardo

Pubblicazione: 
Mercoledì, 24 Luglio, 2013 - 10:06

 

Sarebbe molto meglio imparare bene l'italiano.

Periodicamente la Sardegna è pervasa da un travolgente desiderio di rivalsa e diffidenza verso i “continentali”, con conseguente autoisolamento psicologico che fa a pugni con l'attualità della globalizzazione. Lampante è il recente fatto della studentessa che pretende di sostenere nella parlata locale l'esame di diploma nell'Istituto Alberghiero di Tortolì, ad onta della necessità, propria della sua specializzazione, della conoscenza di lingue nazionali.Questa fobia del ritenerci “accerchiati” noi sardi l'abbiamo sempre avuta, ed è una conseguenza del nostro carattere, che ha come costanti la testardaggine e la permalosità. Quando si pretende che la lingua sarda debba essere, anche nelle scuole, preponderante rispetto all'italiano, si cade nell'involontario senso del ridicolo, tanto più accentuato perché non si mettono in preventivo tutte le persone non autoctone che a vario titolo, anche per creare posti di lavoro, vivono nell'Isola. In modo spietato l'Accademia della Crusca e l'Ocse denotano il terribile degrado dell'Italia nel parlare e scrivere la lingua nazionale: dimentichiamo che per qualsiasi colloquio di lavoro risulta essenziale averne la dimestichezza. Quale sarebbe, inoltre, la parlata sarda da inserire nelle scuole, considerando che sono molteplici? Ma soprattutto: chi dovrebbe insegnarle e con quali titoli di studio? Quante Commissioni avrebbero l'onore e l'onere della selezione? Si immagina quali pressioni subirebbero con pioggia di ricorsi derivanti dalle inevitabili raccomandazioni da parte degli straripanti politici di turno? Ci permettiamo di proporre all'assessorato regionale competente l'istituzione a pioggia di corsi serali per l'apprendimento fluido della lingua inglese, indispensabile per i sardi che espatriano alla ricerca di un domani migliore.

Mario Sconamila

(Hyvinkaa - Finlandia)

Da L'Unione Sarda del 12/07/2013

 


 

Il sardo per lo sviluppo mentale. Favorisce l'apprendimento fin dall'infanzia.

Su L'Unione del 12 luglio scorso il signor Sconamila, dalla lontana Finlandia, esprime una serie di opinioni sulla Lingua sarda, assolutamente inaccettabili. E che denotano scarsa conoscenza dello status della scuola sarda e ancor più della nostra lingua. C'è chi pretende - scrive - “che la lingua sarda debba essere, anche nelle scuole, preponderante rispetto all'italiano”. Ma cosa dice? Non sa che della lingua come della storia sarda a scuola non c'è neppure l'ombra? Giustamente vuole che i giovani sardi imparino l'inglese: ma sa che questa lingua si insegna per ore e ore nelle scuole di ogni ordine e grado? Non ha mai pensato che la scarsa conoscenza dell'italiano come dell'inglese non dipenda dalla catastrofica situazione della didattica? E dunque dei contenuti e dei metodi di una scuola che risulta semplice e piatta succursale della scuola italiana, che ha espulso tutto ciò che è sardo, ad iniziare dalla lingua materna? Conosce gli studi sul Bilinguismo e sugli effetti di questo sulla crescita del bambino? Sa che il bambino bilingue sviluppa più flessibilità mentale? Sa che tutti i linguisti come gli studiosi di scienze sociali ritengono che la presenza della lingua materna e della cultura locale si configurino non come un fatto increscioso da correggere, ma come elementi indispensabili di arricchimento, che non “disturbano” anzi favoriscono l'apprendimento e le capacità comunicative degli studenti perché agiscono positivamente nelle psicodinamiche dello sviluppo? Sa che negando e reprimendo la lingua materna, non assecondandola e coltivandola si esercita grave e ingiustificata violenza sui bambini, nuocendo al loro sviluppo e al loro equilibrio psichico? Strappandoli al nucleo familiare di origine e trasformando in un campo di rovine la loro prima conoscenza del mondo?
Francesco Casula
(Cagliari)

Da L'Unione Sarda del 24/07/2013

 


 

 

Su sardu in is iscolas. Sa lingua chi giùat fintzas a s'italianu.

No cuncordu cun su chi at scritu Mario Sconamila su 12 de Axrolas, prus de totu candu nàrat ca chi pedeus s'imparu de su sardu in is iscolas ddu feus poita donnia tanti si benit su disigiu de essi tirriosus e difidentis facias a is “continentalis”. M'arregordu ca in su beranu de su 1991 fia andau a un atobiu po maistas e maistus de iscola, cuncordau in Casteddu de su sindacau CISL. In cuss'ocasioni fut benìu de su “Continenti” Elio Damiano, chi est unu nomini de importu in sa pedagogia italiana. A s'acabu de s'atobiu, agoa de ai intendiu totu is problemas e is dificultadis chi is maistas nd'iant ogau a pillu, iat nau: “Perché non insegnate anche il sardo?”.
S'imparu de sa lingua de su logu aundi bivint is pipius giùat fintzas a s'imparu de sa lingua natzionali. Custu ddu sciriat fintzas Ludwig Wittgenstein ca po cincu annus iat fatu su maistu de iscola in tres biddixeddas de s'Austria. Wittgenstein po agiudai is pipius in s'imparu de sa lingua tedesca moviat de sa lingua chi chistionàt sa genti in cussus logus. John Dewey, pedagogista americanu, s'at fatu cumprendi beni ca s'imparu est dificultosu chi no movit de s'esperientzia chi tenint is pipius. Nosu scireus ca sa lingua sarda intrat a fundu in s'esperientzia de medas pipius e de medas studiantis prus mannus chi bivint in Sardigna, po custu iat a tocai a dda imparai in is iscolas. Ma iat a tocai a dda imparai fintzas poita est sa lingua chi afundat prus de donnia atra is arrexinis in sa storia e in sa cultura de sa genti chi at biviu po medas seculus finas a oi in cust'isula. E is chi no funt autoctonus? Pensais diaberus ca po issus siat unu dannu chi imparant a connosci sa lingua originaria de su logu aundi ant scerau de bivi? A donnia modu deu pensu ca sa scola, chi diaberus 'olit essi democratica e (cumenti naraus in custus tempus) multiculturali, iat a depi donai sa possibilidadi de studiai sa lingua sarda assumancu a cussus chi dda stimant e creint chi tengat unu valori culturali mannu. In sa Scola Alberghiera de Tortolì ocannu a sa multiculturalidadi dd'ant serrau s'enna e lassada in foras.
Ilario Delussu
(Cuartu Sant'Aleni)

Da L'Unione Sarda del 24/07/2013