Sabato, 18 Novembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

Centro Servizi UNLA - Tutto quello che sai sulla Sardegna è falso, di Omar Onnis

Pubblicazione: 
Lunedì, 22 Luglio, 2013 - 10:57

 

Il profumo delle pagine in fiore avvolge il Giardino del Centro Servizi Culturali UNLA di Oristano
 

Mercoledì 24 luglio alle ore 21 sesto appuntamento de Il Giardino dei libri:

Omar Onnis
presenta

Tutto quello che sai sulla Sardegna è falso
(Arkadia Editore)

 

Dialoga con l'autore il giornalista Giacomo Mameli

Letture a cura di Paolo Vanacore 
 

L'appuntamento è realizzato in collaborazione con la Libreria Mondadori di Oristano, Associazione Heuristic

 

Il libro

A come “acabadora”, B come “banditismo”, C come “Costa Smeralda”. Vi siete mai chiesti qual è il reale significato di questi termini? Vi siete mai domandati cosa si trova al di là della superficie e delle spiegazioni spicciole? Attraverso un testo agile e spigliato, l’autore decostruisce, con valide argomentazioni e molto umorismo, luoghi comuni, bugie e miti collettivi che fondano l’identità dei sardi. Un libro che può essere letto con estremo piacere, capace di sfatare le mille leggende che la storia, gli accadimenti e il fato hanno calato sulla testa dei sardi. Completano l’opera una cronologia sinottica degli avvenimenti storici e una bibliografia sintetica che offre la possibilità al lettore di verificare le tesi esposte e di approfondire svariati argomenti.

 

L'autore

Omar Onnis è nato a Nuoro nel 1969. Vissuto a lungo nella sua città natale si è poi trasferito a Trento dove attualmente vive con la famiglia. Laureatosi in storia, ha lavorato nell’ambito della formazione culturale e come bibliotecario. Ha maturato molteplici esperienze nell’associazionismo e pubblicato numerosi articoli su “Sardegna Mediterranea”, “European Planning Studies”, “PaginaUno”. Ha un suo blog personale, molto seguito, “SardegnaMondo. Storia, cultura e politica tra Sardegna e resto del mondo” (http://sardegnamondo.blog.tiscali.it), intrattiene attività di conferenziere e di divulgatore culturale, coltivando anche la passione politica.