Chini seus

Utente: francosardo
Nome: Sara Chessa
CONSORZIO UNITELSARDEGNA Formaparis: Blog dello Sportello Lingua Sarda dell'Università di Cagliari (a cura di Sara Chessa): un contenitore di notizie riguardanti la lingua e la cultura sarda

Categorias

2011 12 01
2011 12 02
2011 12 03
2011 12 04
2011 12 05
2011 12 06
2011 12 07
2011 12 08
2011 12 09
2011 12 10
2011 12 12
2011 12 14
2011 12 16
2011 12 18
2011 12 19
2011 12 20
2011 12 21
2012 12 29
abbasanta
acadèmia de su sardu
acàdemia de su sardu
accademia de sa lingua campidan
acli
aggius
alà dei sardi
albagiara
ales
alessandro camboni
alessandro mongili
alexandra porcu
alfonso stiglitz
alghero
alimus atlante linguistico
allai
altre minoranze linguistiche
amos cardia
angelo canu
antichi mestieri
antonella m maddalena licheri
antonella sorace
antonietta dettori
antonimaria pala
antonio buluggiu
arbus
ardauli
argentiera
aritzo
armungia
arte e suoni
arvurebirdi
arzachena
aspe nuoro
assemini
associazione babel
associazione don chisciotte
assolo
asuni
atlante toponomastico sardo
atzara
austis
babel
bachisio bandinu
badesi
ballao
banari
banda musicale pergolesi
bandi
baradili
baressa
barisardo
baronia
barrali
barumini
bauladu
baunei
belvì
benetutti
berchidda
berlino
bessude
biblioteca di sardegna
bidonì
bilinguismo
birori
bitti
blasco ferrer
bolotana
bonarcado
bonnanaro
bono
bonorva
borore
bortigali
borutta
bosa
brigata sassari
buddusò
budoni
buggerru
bultei
bulzi
burcei
busachi
bustianu cumpostu
cabras
cada die teatro
cagliari
calangianus
calasetta
cala gonone
calendario
campidanese
capoterra
carbonia
cardedu
cargeghe
carloforte
carovana sarda della pace
carta europea lingue regionali o
castelsardo
cavalcata sarda
centro area 3
centro servizi culturali unla
centro studi bentzon
chia
chiaramonti
chiese campestri
cinemecum
cineteca sarda
cineteca sarda società umanitar
circolo equilibri
claudia zedda
codrongianos
collegium karalitanum
collinas
coloris de limbas
comitadu pro sa limba sarda
concorso
consiglio regionale
consulta giovani bauladu
convegno seminario conferenza
coordinam per la lingua sarda
corsi laboratori lezioni
cortes apertas
cossoine
costa rei
cristiano becciu
cristian urru
cristina lavinio
cros
cucina ricette degustazioni
cuglieri
daniela marzo
decimomannu
desulo
diego corraine
disterraus sardus emigrati sardi
dolianova
domus de maria
donori
dorgali
drer & crc posse
dualchi
eduardo blasco ferrer
eja
elighes uttiosos
elmas
ersu
escalaplano
escolca
esterzili
europa
fabritziu dettori
feste patr sagre fiere rassegne
festival
film o documentario
filodrammatica lasalliana
fils formaz insegn lingua sarda
fluminimaggiore
flussio
folklore
fondazione faustino onnis
fondazione sardinia
fonni
fordongianus
foreste aperte
formaparis
foto
francesca mulas
francesco casula
francesco cesare casula
franciscu sedda
francu de fabiis
fumetti
furtei
gadoni
gairo
gallurese
galtellì
gara poetica cantadoris
gavoi
genoni
gesico
gesturi
ghilarza
giagu ledda
giampaolo pisu
gianfranca piras
gianfranco pintore
gianluigi stochino
gianni loy
gianni mascia
giba
giochi o sport
giulio angioni
giulio solinas
giuseppe corongiu
gli eventi in sardegna
golfo aranci
goni
gonnesa
gonnosfanadiga
gonnosnò
gonnostramatza
gramsci
guamaggiore
guasila
guida lingua sarda
guilcier
guspini
identità
iglesias
ilbono
il minuto
impari po imparai
inno
intervista
irgoli
isili
isperas
isre
istituto bellieni
ittireddu
ittiri
ius3
ivo murgia
jerzu
joyce mattu
khorakhané
laconi
laerru
lanusei
las plassas
la maddalena
la nuova sardegna
làcanas
legge 26 del 97
legge 482 del 99
lei
leopoldo ortu
librenter
libreria murru
libri
limba sarda comuna
liturgia
loceri
lodè
lodine
logudorese
loiri
lollove
lotzorai
lula
lunamatrona
luogosanto
luras
l unione sarda
macomer
malik
mamoiada
mandas
manifesto sardo
mara
maracalagonis
mariantonietta piga
maria antonietta mongiu
marina cafè noir
mario carboni
mario puddu
mario sanna
marrubiu
martis
massimo pittau
masullas
matrimonio asseminese
matrimonio mauritano
matrimonio selargino
maurizio virdis
meana sardo
medas
messaggerie sarde
metodo clil
michela murgia
michele ladu
michele pinna
michele podda
milis
mogorella
mogoro
monastir
monserrato
monteleone roccadoria
monteleone rocca doria
monti
montresta
monumenti aperti
mores
morgongiori
mostra
muravera
muros
musica canti o balli
narcao
nicola cantalupo
nora
noragugume
norbello
nughedu san nicolò
nule
nuoro
nurachi
nuragus
nurallao
nuraminis
nureci
nurri
olata
olbia
oliena
ollolai
olmedo
olzai
onanì
onifai
oniferi
orani
orgosolo
oristano
orosei
orotelli
orroli
ortacesus
ortueri
osidda
osilo
osini
osserv regionale cultura sarda
ossi
ottana
ovodda
ozieri
pabillonis
padria
padru
palau
paola alcioni
paolo bullita
paolo pillonca
pattada
paulilatino
pauli arbarei
pau
pepe corongiu
perdasdefogu
perdaxius
perfugas
pesa universidade de sardigna
piano triennale 2011-2013
pier sandro pillonca
pietro perra
pimentel
pirri
ploaghe
pompu
portoscuso
porto rotondo
porto torres
posada
pozzomaggiore
pratosardo
priamo farris
progetto
progres
provincia carbonia iglesias
provincia di cagliari
provincia di nuoro
provincia di oristano
provincia di sassari
provincia medio campidano
provincia ogliastra
provincia olbia tempio
pro no ismentigare
pubblica amministrazione
pula
putifigari
quartucciu
quartu sant elena
radio
radio press
recital reading letture o poesia
regione sardegna
riola sardo
rita atzeri
rivista
roberto bolognesi
rossella faa
ruinas
sadali
salvatore cubeddu
samassi
samatzai
samugheo
sanluri
santadi
santa giusta
santa maria navarrese
santa teresa di gallura
santu lussurgiu
sant andrea frius
sant anna arresi
sant antioco
sant antonio di gallura
sant efisio
san basilio
san gavino
san giovanni suergiu
san sperate
san teodoro
san vero milis
sara nieddu
sardara
sardegnamondo
sardegna 24
sardegna biblioteche
sardegna democratica
sardegna e libertà
sardegna quotidiano
sardinews
sardi all estero o in italia
sardus pater
sarrabus
sarroch
sarule
sarvadore serra
sassari
sassari notizie
sa bertula antiga
sa die de sa sardigna
scano montiferro
scuola bambini o ragazzi
sedilo
segariu
selargius
selegas
seneghe
senis
senorbì
serdiana
serramanna
serrenti
serri
sestu
settimo san pietro
setzu
seui
siddi
silanus
siligo
siliqua
silius
simala
simaxis
sindia
sini
siniscola
sinnai
sito internet
siurgus donigala
solarussa
soleminis
sorgono
sorradile
sorso
sportelli uffici lingua sarda
statuto sardo
stèvini cherchi
stintino
suelli
su magasinu
su majolu
su postale de sa limba sarda
tadasuni
teatro
telti
tempio pausania
tempus nostru
tergu
terralba
tertenia
teti
teulada
thiesi
tiana
tiscali
tissi
tonara
tonino bussu
toponomastica
torpè
torralba
torregrande
tortolì
tottus in pari
traduzione
triei
tuili
tula
turri
tv
ufìtziu pròvintzia de aristani
ugas
ugo dessy
ulassai
uls ogiastra
uls provìntzia nùgoro
unione comuni parteolla
unione europea
università
università terza età
uras
uri
urzulei
usellus
ussana
ussaramanna
ussassai
uta
valentina schirru
valledoria
vallermosa
vanni masala
villacidro
villagrande strisaili
villagreca
villamassargia
villanovaforru
villanovafranca
villanovatulo
villanova monteleone
villaperuccio
villaputzu
villasalto
villasimius
villasor
villaurbana
villa sant antonio
villa san pietro
villa sergiana
villa verde
visita guidata escursione
vito biolchini
zuri

Links

A.Oppo - Le lingue dei sardi - Una ricerca sociolinguistica
Academia de su Sardu
Acalisa - Accademia Campidanesa de sa Lingua Sarda
Associazione I Sardi.net
Associazione Sel&Sar
Babel Film Festival
Biblioteca Gramsciana
Binnesartu Bilingua
Blog dei circoli degli emigrati sardi
Centro di studi filologici sardi
Cinemecum
Cineteca Sarda
Collana SARDÌNNIA
Comitau.org
Comune di Cagliari
Comune di Cagliari - Elenco Associazioni Culturali
Comune di Elini
Comune di Lanusei
Comune di Monserrato
Comune di Nuoro
Comune di Olbia
Comune di Oristano
Comune di Sanluri
Comune di Sassari
Comune di Selargius
Comune di Tempio
Comune di Villacidro
Comunu de Moguru
Comunu de Su Masu
Consorzio Uno - Sede Universitaria di Oristano
CURSU DE DERETU DE SU TRABALLU
Editori Sardi
Elena Ledda
Emigrati Sardi
Fonte Sarda
Formaparis su Facebook
Gente di Sardegna - La community di Paradisola
Gianfranco Pintore Blog
Guida Lingua Sarda
Ichnussa - la biblioteca digitale della poesia sarda
Il Giornale di Sardegna
Il Messaggero Sardo
Innu sardu
Istituto Bellieni
Istituto Etnografico della Sardegna
Ivo Murgia - Lingua e cultura sarda
L' Altra Voce
L'Unione Sarda
La Nuova Sardegna
Leonardo Cabizza
Limba Sarda
Lingua Sarda - Supereva
Lista Sa Limba
LudoBiblo Di Carla Atzeni
Master di II° livello in "Approcci interdisciplinari nella didattica del sardo"
Master Università di Cagliari
Miur - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
Nuraminis Blilingua
Ofitziu de Lingua Sarda Cumunu de Pramantellu
Ofitziu Lingua Sarda Comunu de Samatzai
Presnaghe's Blog di Maurizio Virdis
Provincia Carbonia-Iglesias
Provincia di Cagliari
Provincia di Nuoro
Provincia di Oristano
Provincia di Sassari
Provincia Medio Campidano
Provincia Ogliastra
Provincia Olbia-Tempio
Regione Sardegna - Home
Regione Sardegna - Lingua e cultura sarda
Rossomori
S'Ufìtziu de sa Limba Sarda - Barumini
Santu Sperau Bilingua
Sardegna biblioteche
Sardegna Cultura
Sardegna Cultura - Lingua Sarda
Sardegna Digital Library
Sardinian Mediterranean Imaging Research Group
Sardu.net
Segreteria Studenti - Facoltà di Lettere
Serrenti Sarda
Sinnia bilingua
Sito di Marinella Lorinczi
Sito Formaparis
Sotziu Limba Sarda
Sotziu Limba Sarda - Foumu Limba - Sa boghede sos operadores linguisticos
Su portali de sa lingua sarda
Tonino Rubattu
Ufìtziu Lingua Sarda - Quartu Sant' Elena
Ufítziu de sa Língua Sarda de Scalepranu
Ufficio Stampa del Comune di Cagliari
Ufitziu Comune Siddi
Ufitziu de sa Limba Sarda - Provintzia de Nugoro
UFITZIU DE SA LIMBA SARDA DE SA COMUNA DE SINDIA
Ufitziu Limba Sarda - Provintzia de Aristanis
Ufiziu de Sa Limba Sarda Provìntzia Ogiastra
Unicafor
Unioni de is Comunus de su Partiolla e de su Campidanu 'e Bàscius
Università degli Studi di Cagliari
Università degli Studi di Sassari
Università della terza età - Quartu Sant'Elena
Università tedesche e limba sarda
Ussaramanna Sarda
Vocabolario Sardo
Wikipedia in lingua sarda

Partìcipanta

Fotos noas

Blog foto: Logo semplice
Blog foto: banner com
Blog foto: banner eu
Vedi altri media


Contadori

visitau *loading* bortas
sabato, 04 giugno 2011

Regione Sardegna - Atlante toponomastico sardo


Da La Nuova Sardegna del 02/06/2011

postato da: Sara Chessa alle ore 04/06/2011 09:37 | link | commenti | categorie: la nuova sardegna, regione sardegna, atlante toponomastico sardo

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

martedì, 21 luglio 2009

Ritorno a Sos Numenes de Logu

sudI toponimi – sos numene de logu – rappresentano scampoli essenziali della nostra storia, geografia e antropologia, ma segnatamente della nostra lingua. Per troppo tempo sono stati dimenticati quando non sotterrati. È arrivato il momento di disseppellirli per restituirli alla conoscenza, alla fruizione e all’uso da parte di tutti i sardi. Va in questa direzione l’iniziativa presa dall’assessorato regionale della Cultura – presentata e discussa a Orosei l’11 e il 12 luglio scorsi nel Seminario di studi - di dar vita a s’Atlante toponomasticu sardu, affidandone la realizzazione all’Università di Sassari e di Cagliari. Il progetto non è nuovo: è stato avviato nel 2005 ma è rimasto inattuato in qualche cassetto della Regione, non si capisce bene se per mancanza di risorse finanziarie o per altre oblique motivazioni. L’assessore Lucia Baire oggi lo riprende, convintamente, “per portare alla luce i micro e macrotoponimi di tutta l’isola, un enorme patrimonio culturale che racconta della nostra memoria linguistica, non solo riferito a città, paesi, fiumi, monti o pianure di grande importanza ma anche alle dominazioni di piccoli terreni”. È un’iniziativa pregevole soprattutto se si porrà come propedeutica al riordino bilingue di tutta la toponomastica sarda con una nuova segnaletica e cartellonistica, che dia prestigio e visibilità alla Lingua sarda. Il bilinguismo perfetto e l’ufficializzazione del Sardo passa anche attraverso questo fronte: sa limba occorre infatti impararla, ad iniziare dalla scuola, in cui deve essere inserita organicamente come materia curriculare e utilizzata come strumento veicolare; ma poi occorre parlarla, scriverla, leggerla, nei libri come nei giornali; sentirla, ad iniziare dai media: Tv e quant’altro; vederla concretamente nella segnaletica appunto, come nella pubblicità. I trenta giovani ricercatori che “saccheggeranno archivi polverosi e memoria degli anziani” non dovranno partire da zero: abbiamo in Sardegna – su questo versante - ricerche rigorose e scientifiche che è bene prendano in considerazione. A mò di esempio ne voglio ricordare una, molto preziosa: quella di Oliviero Nioi, olzaese, medico per professione (a Nurri) e studioso di cose sarde, per passione e fede culturale e politica, pubblicata dalla casa editrice “Domus de Janas” con il titolo “Logus microtoponimi di Nurri”. Francesco Casula (Storico)
Da "Il Giornale di Sardegna" del 21/07/2009

postato da: Sara Chessa alle ore 21/07/2009 13:15 | link | commenti | categorie: regione sardegna, toponomastica, francesco casula, atlante toponomastico sardo

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

mercoledì, 08 luglio 2009

Nùmenes de logu

Via libera all'Atlante Toponomastico Sardo e alla segnaletica sperimentale bilingue. Conferenza stampa dell'Assessore Baire per la presentazione del rilancio del progetto denominato "Atlante Toponomastico Sardo", che giaceva da due anni in stand by nei cassetti dell'Assessorato cagliaritano di viale Trieste.

logoregioneCAGLIARI, 7 LUGLIO 2009 - La creazione di un Atlante Toponomastico della Sardegna per salvaguardare la lingua dell’isola a partire dai toponimi, ma anche una trentina di nuovi posti di lavoro da affidare soprattutto a giovani disoccupati laureati che, grazie alla lingua sarda, possono trovare motivo di occupazione.
Sono questi gli obiettivi principali dell’Assessorato della Pubblica Istruzione della Regione, guidato da Maria Lucia Baire, che oggi, in una conferenza stampa, ha rilanciato un progetto denominato “Atlante Toponomastico Sardo” che giaceva da due anni in stand by nei cassetti dell’assessorato cagliaritano di viale Trieste.
Con la collaborazione delle due Università sarde e il sostegno finanziario del Dipartimento per gli Affari Regionali della Presidenza del Consiglio dei ministri, uno stuolo di circa 30 ricercatori si appresta a “saccheggiare” archivi polverosi e memoria degli anziani per riportare alla luce i micro e macro toponimi di tutta l’isola, a partire dalle province di Cagliari e Sassari. Un enorme patrimonio culturale che racconta della nostra memoria linguistica, non solo riferito a città, paesi, fiumi, monti o pianure di grande importanza, ma anche, in alcune versioni sperimentali, alle denominazioni di piccoli terreni, microscopiche porzioni di pascolo o antiche tanche divenute nel frattempo aree edificabili o campi sportivi.
Un lavoro prezioso da terminare prima che la memoria dei più vecchi si esaurisca: non tutti i microtoponimi sono infatti registrati nei documenti antichi, alcuni sono praticati soltanto nelle parlate dei vari paesi dell’isola e sconosciuti, spesso, perfino alle anagrafi. E anche quelli registrati dal medioevo a oggi negli atti notarili, nei registri ecclesiastici, o nei documenti di archivio noti agli esperti con il nome di “sommarioni”, spesso presentano problemi di interpretazione filologica, ortografica o semantica. Gli stessi nomi di luogo sono riportati in più forme mutabili nel tempo e nello spazio, tanto da rendere arduo il lavoro degli esperti e rendere però necessario l’intervento della Regione per mettere ordine in questo campo.
I lavori, finanziati con un totale di 566 mila euro tra fondi statali e regionali, erano partiti nel 2004 per poi bloccarsi subito dopo a causa di alcune criticità. Negli ultimi mesi, una nuova ripartenza, voluta con forza da Lucia Baire, che ha sposato le necessità pratiche e ideali del progetto. Obiettivo finale delle attività sarà quello di avere una banca dati a disposizione per salvare il giacimento culturale di oronimi, idronimi, geonimi storici e toponimi, ma anche di costituire un serio riordino della toponomastica che tenga conto della necessità di predisporre una base lessicale per una eventuale pianificazione linguistica del territorio in forma bilingue. E, da non trascurare, qualche decina di posti di lavoro per giovani specializzati in cerca di occupazione. Posti di lavoro che si spera di poter confermare per i prossimi anni, ma che per ora sono certi solo fino al 2011.
Per spiegare meglio le ragioni dell’intero progetto, e per affrontare con esperti italiani ed europei anche la delicata tematica del bilinguismo ufficiale alla quale il Governo Regionale rivolge la sua attenzione con un atteggiamento di curiosità, ricerca, studio, ma anche con la prudenza e la moderazione dovute a un tema delicato, per l’11 e il 12 luglio prossimi, l’assessorato ha organizzato a Orosei un convegno (aperto al pubblico) di studio e confronto politico dal titolo “Nùmenes de logu – I Nomi di luogo in Sardegna tra toponomastica storica e politica linguistica”. Il centro della Baronia, in provincia di Nuoro, è stato scelto proprio perché secondo stime, monitoraggi e ricerche sociologiche, in quella zona l’uso della lingua sarda (anche con la trasmissione intergenerazionale ai bambini) è ancora indiscutibilmente vivo. E’ quindi più semplice, da un punto di vista programmatico, affrontare questioni di estrema importanza per la sopravvivenza della diversità linguistica sarda come quella del patrimonio toponimico o della segnaletica bilingue. Nella stessa provincia di Nuoro, la comparsa della cartellonistica in sardo qualche anno fa, aveva creato interesse e discussione. Si tratta comunque di una pratica recente ancora semisconosciuta in Sardegna, che pone problemi operativi che l’assise convocata dalla Regione cercherà di sciogliere.
Secondo gli studiosi più accreditati della disciplina della rivitalizzazione linguistica, i cartelli in lingua minoritaria sono fondamentali per il recupero di prestigio e la visibilità di lingue in pericolo di estinzione come quella sarda. Devono essere però seguite regole certe che evitino l’uso folcloristico, culturale o approssimativo della cartellonistica/segnaletica in lingua minoritaria o bilingue.
Dall’altro canto, un’esposizione corretta della lingua nei cartelli favorisce la consapevolezza delle popolazioni e la ripresa linguistica. In Sardegna ciò sarebbe necessario perché, secondo le stime delle due università, la situazione sociolinguistica ha evidenziato la crisi profonda del sardo conosciuto da quasi il 70% della popolazione a dispetto della presenza di un esiguo 13% di bambini madrelingua, peraltro concentrato in aree ben precise: Goceano centrale, Alta Barbagia e Baronia. Sono le aree urbane quelle in cui non avviene alcun passaggio intergenerazionale, e per la maggior parte per ragioni di stigma sociale. Altri dati interessanti sono emersi sullo stato di salute del gallurese e del tabarchino, che risultano godere di un discreto benessere, mentre paiono in crisi il catalano e il sassarese.
Il convegno, che si svolgera nel Club Hotel Marina Beach (località Marina di Orosei), prevede per l’apertura di sabato mattina alle ore 9 e 30 il saluto del Direttore Generale dell’Assessorato della Pubblica Istruzione Antonina Scanu che precederà le relazioni degli studiosi sardi che hanno il compito di guidare il progetto dell’Atlante Toponomastico. Per l’ateneo turritano prenderanno la parola Margherita Satta, con una relazione dal titolo “Il progetto dell’Atlante Toponomastico Sardo” e Giuseppe Scanu “Atlante Toponomastico Sardo e cartografia regionale”. Seguiranno le relazioni di Giulio Paulis (“Elementi di conservatività, dinamiche di cambiamento e decadenza dei toponimi sardi”) e di Maurizio Virdis (“Gli studi di toponomastica sarda: riflessioni e prospettive”). Chiuderà la mattinata Rita Vinelli, del Servizio Cartografico della Regione, che illustrerà le dinamiche del SITR, cioè il Sistema Informativo Territoriale Regionale che sarà implementato grazie a questo progetto.
Il pomeriggio, sempre nella sala conferenze dell’albergo oroseino, sessione dedicata ai “Problemi e criticità nella realizzazione di una segnaletica e cartellonistica bilingue”. Il confronto spazierà dalla Sardegna, all’Italia fino all’Europa. Ospite d’eccezione è Luz Mendez, accademica dell’università di Vigo, esperta in segnaletica bilingue. Nella sua patria, la Galizia, in Spagna, la cartellonistica in due lingue è diventata una realtà a tutela del galiziano, idioma divenuto ufficiale da una ventina di anni. Seguono due esperti di riconosciuto livello nazionale: Marco Stolfo, direttore del Servizio Minoranze Linguistiche della Regione Friuli, e Marco Viola, Direttore del Servizio Minoranze Linguistiche della Provincia Autonoma di Trento. A rappresentare ragioni, speranze e aspirazioni della Sardegna, Diego Corraine, direttore del Servizio Linguistico della Provincia dell’Ogliastra.
Ma il piatto forte per gli amanti della politica linguistica in Sardegna, nello stesso hotel della costa orientale, è previsto per domenica 12 luglio a partire dalle ore 10 con una tavola rotonda introdotta e coordinata dallo stesso assessore Lucia Baire sul tema “La politica delle minoranze linguistiche”. Ospiti d’onore saranno Roberto Molinaro, assessore della Regione Friuli, Antonietta Romano, del Dipartimento per gli Affari Regionali, Giovanni Frau, accademico dell’Università di Udine, e Attilio Dedoni, Presidente della Commissione Cultura del Consiglio Regionale della Sardegna. A seguire sono previsti gli interventi di Paolo Pillonca, Michele Pinna, Gianfranco Pintore e Mario Carboni, intellettuali sardi da decenni schierati sul fronte del bilinguismo. E’ prevista la chiusura a cura del Presidente della Regione Ugo Cappellacci.
Con il progetto ATS, a garanzia della scientificità, al Dipartimento di Teorie e Ricerche dei Sistemi Culturali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Sassari, in collaborazione con quella di Cagliari, è stato affidato il compito della ricerca e della catalogazione di nuovi toponimi, dell’eventuale correzione di quelli già raccolti dall’Amministrazione regionale, della trascrizione IPA e dell’aggiunta di contenuti storico/geografici e fonetico/linguistici. I dati potranno essere trattati attraverso il succitato software di gestione toponimi e riversati nel S.I.T.R., ma dovranno anche essere - in parte - pubblicati a cura dell’UNISS stessa. La Regione manterrà la regia dell’intero progetto ed eseguirà direttamente, seppur in raccordo con le Università, alcune fasi del progetto; in particolare, curerà lo studio dei macrotoponimi, anche al fine della successiva realizzazione di interventi diretti in materia di toponomastica (che riguarderanno la realizzazione di una mappa multimediale interattiva e della segnaletica stradale bilingue).

Video


Locandina 1


Locandina 2


Da http://www.regione.sardegna.it/j/v/25?s=118902&v=2&c=220&t=1


header_logo_usL'assessore Lucia Baire ha presentato un archivio con i nomi in limba delle località dell'Isola Nùmenes de logu, un Atlante.


La lingua sarda, al giorno d'oggi, non attraversa un momento di grande splendore. Lo sospettano tutti, lo pensano molti e lo dimostrano le stime delle università di Cagliari e Sassari, secondo le quali solo il 13% dei bambini - concentrati in tre aree ben precise del territorio: il Goceano centrale, l'Alta Barbagia e la Baronia - possono considerarsi madrelingua, ovvero allevati con e attraverso il sardo. Non sorprende, dunque, che nelle ultime settimane l'assessore regionale alla Cultura Maria Lucia Baire abbia pensato di recuperare, dal cassetto in cui giaceva da due anni, il progetto per la creazione di un Atlante toponomastico della Sardegna : un grande archivio con i nomi in lingua locale di tutti i grandi e piccoli luoghi dell'Isola, a partire dalle province di Cagliari e Sassari. Una banca dati indispensabile sul piano culturale e utile, in prospettiva, per un'eventuale pianificazione del territorio in forma bilingue, anche nelle indicazioni presenti sui cartelli stradali.
Un'opera importante, insomma, per cui stavolta, a differenza del 2004, quando il progetto partì e si arrestò subito per alcune difficoltà tecniche e finanziarie, non mancheranno né strumenti né fondi (grazie a un co-finanziamento statale e regionale di 660 mila euro). E neppure gli uomini, dato che la realizzazione dell'Atlante sarà coordinata dalla regia di otto operatori regionali (a breve la selezione pubblica) e darà un nuovo impiego a trenta ricercatori delle facoltà di Lettere degli atenei di Cagliari e Sassari.
Studiosi specializzati che nei prossimi mesi dovranno saccheggiare la memoria degli anziani e degli archivi polverosi, al fine di ricostruire per voce o per documento la memoria linguistica dell'Isola, in riferimento a città, paesi, fiumi, ma anche piccoli terreni, porzioni di pascolo o antiche tanche. Cercando nei ricordi dei viventi ciò che non si trova negli atti notarili, nelle carte ufficiali, nei registri ecclesiastici e nei reperti d'archivio detti “sommarioni”.
Prima di cominciare con le ricerche, per spiegare meglio le finalità del progetto e favorire un dibattito sul bilinguismo, l'11 e il 12 si terrà a Orosei un convegno (aperto al pubblico) intitolato Nùmenes de logu . Organizzato dall'assessore alla Cultura vedrà il coinvolgimento di esperti europei. «Personaggi che in Galizia come in Friuli, hanno già affrontato i vari aspetti del rapporto tra il bilinguismo e i luoghi. E possono insegnare molto a chi si appresta ad avviare un progetto decisamente ambizioso».

LORENZO MANUNZA

Da "L'Unione Sarda" del 08/07/2009

postato da: Sara Chessa alle ore 08/07/2009 08:04 | link | commenti | categorie: regione sardegna, toponomastica, atlante toponomastico sardo

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")

lunedì, 06 luglio 2009

Convegno sulla toponomastica sarda

logoregioneDomani, martedì 7 luglio, conferenza stampa sul tema del rilancio del progetto di riordino dei toponimi della Sardegna "Atlante Toponomastico Sardo" e presentazione del convegno sulla toponomastica e politica linguistica "Nùmenes de logu", che si svolgerà a Orosei nei giorni sabato 11 e domenica 12 luglio.

CAGLIARI, 6 LUGLIO 2009 - Domani martedì 7 luglio, alle ore 10 e 30, presso la sala della biblioteca regionale in viale Trieste n. 137, l’assessore regionale della Pubblica Istruzione, Maria Lucia Baire, terrà una conferenza stampa sul tema del rilancio del progetto di riordino dei toponimi della Sardegna "Atlante Toponomastico Sardo" e la presentazione del convegno sulla toponomastica e politica linguistica "Nùmenes de logu", che si svolgerà a Orosei nei giorni sabato 11 e domenica 12 luglio.
L’intervento dell’Atlante dei nomi di luogo, che era fermo da due anni, è finanziato da fondi statali e regionali. Nel corso del convegno, in programma nel centro della Baronia, una delle poche aree della Sardegna dove si mantiene intatta la trasmissione intergenerazionale della limba, si discuterà di toponimia, cartellonistica e politica in favore della lingua sarda. E’ prevista la partecipazione di illustri ospiti nazionali e internazionali.

Consulta il programma del Convegno

Da http://www.regione.sardegna.it/index.php?xsl=25&s=118783&v=2&c=220&t=1

postato da: Sara Chessa alle ore 06/07/2009 21:25 | link | commenti | categorie: regione sardegna, toponomastica, orosei, convegno seminario conferenza, atlante toponomastico sardo

Sportello Lingua Sarda: Sito internet; Le attività  Sede
Facebook Group: Gruppo Facebook Sportello Lingua Sarda Università di Cagliari
Facebook Page: Pagina Facebook Blog Formaparis
Newsletter: Clicca qui per inviare l'email di iscrizione
Per segnalare manifestazioni,eventi, attività: sarachessa@amm.unica.it

Sede operativa Sportello:
- c/o Ex Clinica Aresu - via San Giorgio, 12 - CAGLIARI (Tel. 070/6756489)

Condividi (Per condividere un singolo post, cliccare prima sul titolo e solo successivamente sul pulsante "Condividi")